XIV Canto Spontaneo

    La XIV edizione del festival del Canto Spontaneo si articolerà attraverso 4 appuntamenti che si svolgeranno a Udine, Givigliana e Rigolato nelle giornate del 25 e 26 settembre 2021. Oltre al Trio di Gjviano che, tradizionalmente, aprirà il festival, avremo l’opportunità di ascoltare il Canto Spontaneo in un luogo magico. Giungere a Gjviano, 1300 mt, nell’Alta Val Degano costa un po’ di fatica ma ne vale la pena. Per una giornata potrete gustare l’essenza e la semplicità che offre il piccolo e isolato centro abitato. Sabato 25 settembre, a Udine, l’anticipazione del festival rappresentare un assaggio di quanto si potrà ascoltare e vedere domenica 26 settembre a Givigliana e Rigolato.

    LE VOCI DELLA FORESTA

    E’ nato quasi per caso nel 1999 quando un gruppo di Forestali  amanti del canto, per solennizzare il 30° anno della Fondazione del Corpo Forestale Regionale del Friuli Venezia Giulia in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono, si è riunito sotto la guida del collega Scrignaro Dario ed ha tenuto la prima esibizione. Da allora l’attività concertistica è gradualmente aumentata e Le Voci della Foresta rappresentano oggi un raro esempio di canto spontaneo a livello nazionale. Il repertorio proposto copre diverse linee musicali,  dai canti di carattere sacro a quelli per l’accompagnamento di celebrazioni religiose, canti in friulano ed altre realtà culturali italiane ed estere, canti Alpini e di Montagna. 

    TRE COMPARI MUSICANTI

    Storie minime nella grande Storia
    Briganti, Borbonici, Francesi
    di e con Paolo Apolito
    e con Antonio Giordano – zampogne, chitarra battente, canto

    Tre compari musicanti. Storie minime nella grande storia: briganti, borbonici, francesi. Monologo scritto e interpretato da Paolo Apolito, antropologo a domicilio, con Antonio Giordano alle zampogne, chitarra battente, canto. Nel monologo vengono seguite le grandi vicende a cavallo tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento attraverso storie minime di anonimi contadini poveri del Sud, quando si delinearono per loro nuove forme sociali di esclusione sociale, miseria economica e sociale, subalternità culturale che non cesseranno se non dopo la Seconda Guerra Mondiale, lasciando però strascichi e conseguenze che ancora pesano sulla realtà del Sud.

    25/09/2021 – UDINE
    Ore 18 – Libreria Tarantola incontro con la Campania (con Paolo Apolito_antropologo e Antonio Giordano_musicista)
    Ore 21 – Al Vecchio Stallo – Friuli Campania Crossing

    26/09/2021GIVIGLIANA (GJVIANO)
    Ore 10 – La Croce di Lorena (antico rituale)

    RIGOLATO (Chiesa di San Giacomo)    
    ore 16 – Il Festival – tradizionale apertura a cura del Trio di Gjviano
    •Le Voci della Foresta
    •Tre compari musicanti con Paolo Apolito e Antonio Giordano

    Ingressi monitorati come da disposizioni ministeriali.